Difensori della libertà

Olena, ostetrica di Mykolaiv, ha fatto nascere un bambino in ospedale tra i bombardamenti

Olena, an obstetrician from Mykolaiv

La sera del 3 aprile, nell’ospedale numero 5 di Mykolaiv, c’erano alcune donne incinte. Quando i medici hanno sentito il rumore lontano delle esplosioni, hanno deciso immediatamente di trasferire tutte le pazienti nello scantinato. Quando un missile ha colpito il cortile dell’ospedale, fortunatamente tutti erano nel rifugio antiaereo. Durante il trasferimento dal reparto allo scantinato con l’ascensore, una delle donne è entrata in travaglio.

L’ostetrica Olena e le sue colleghe hanno aiutato a far nascere il bambino su un letto a fuso. Per tutto questo tempo, il marito della donna è stato presente per fornire supporto. Si sentivano esplosioni, muri che si rompevano, vetri delle finestre e intonaco che cadevano. Nonostante tutto, la donna ha dato alla luce una bambina sana. La giovane madre è rimasta impressionata dal lavoro dei medici. I genitori e la loro bambina sono rimasti sotto osservazione dei medici fino al mattino.

L’ostetrica Olena racconta: “Naturalmente non mi considero un’eroina. In questi momenti non si pensa a queste cose, ma ci si limita a prestare soccorso e a fare tutto il possibile affinché tutti possano sopravvivere”.

Esplora di più