vai a notizie e storie
In tempo di guerra Promemoria

L’Ucraina è contaminata dalle mine. Vi presentiamo alcune statistiche (e soluzioni)

A causa della guerra di aggressione della Russia, il territorio ucraino si ritrova ad essere altamente contaminato da mine e ordigni inesplosi che rappresentano una minaccia tanto per gli esseri umani quanto per gli animali selvatici E non si tratta semplicemente di un “alto livello” ma, potenzialmente, del paese più contaminato dalle mine in tutto il mondo dalla fine della seconda guerra mondiale.

Un geniere ucraino effettua lavori di sminamento nella regione di Kharkiv.
Foto: Vyacheslav Madiyevskyi / Avalon

I letali residui della guerra sono stati rinvenuti nei territori sotto attacco russo e in quelli già liberati dall’occupazione temporanea: insediamenti, infrastrutture, foreste e terreni agricoli. Anche se potrebbero volerci anni, l’Ucraina sta già lavorando attivamente allo sminamento, in particolare rivolgendosi a tecnologie e approcci innovativi.

L’area della contaminazione da mine in Ucraina

Nel febbraio 2024, come riferito dal Servizio statale di emergenza dell’Ucraina (SES), il territorio dell’Ucraina potenzialmente contaminato da oggetti esplosivi a causa della guerra su vasta scala della Russia ammontava a 156.000 chilometri quadrati, Si tratta di circa il 25% della superficie totale del paese. In termini di dimensioni tale estensione è paragonabile al territorio complessivo del Liechtenstein  (160 mila chilometri quadrati).

Mappa dei territori ucraini che potrebbero essere potenzialmente contaminati da oggetti esplosivi.
Screenshot dal sito web del Servizio di emergenza statale dell’Ucraina

Ma la superficie totale dei territori potenzialmente minati e pericolosi era ancora più grande: nel 2023, grazie agli sforzi congiunti delle forze armate ucraine e degli addetti allo sminamento, questa è stata ridotta da 174.000 chilometri quadrati agli attuali 156.000.

Ecco alcune statistiche. Dopo il 24 febbraio 2022, le unità pirotecniche del Servizio statale di emergenza dell’Ucraina:

  • hanno effettuato oltre 84.000 missioni in aree potenzialmente minate e neutralizzato oltre 472.000 oggetti esplosivi;
  • hanno sminato oltre 14.000 obiettivi e abitazioni, 7.800 chilometri di linee elettriche, 549 chilometri di gasdotti, 3.700 chilometri di strade e 606 chilometri di binari ferroviari.

Gli oggetti esplosivi più comuni che contaminano il territorio ucraino includono mine di mortaio, mine anticarro con detonazione a distanza, mine a frammentazione antiuomo, mine esplosive antiuomo, mine-trappola, nonché vari tipi di ordigni inesplosi: munizioni, missili e bombe.

Insediamenti minati e campi minati sui terreni agricoli dell’Ucraina

Oltre 6 milioni di cittadini ucraini risiedono ancora in aree a rischio. Secondo il rapporto del SES, alla fine di febbraio 2024 i civili rimasti uccisi a causa della detonazione di oggetti esplosivi ammontavano a 287, mentre altri 641, tra cui 77 bambini, erano rimasti feriti.

Per le unità del SES le aree a sminamento prioritario includono gli insediamenti liberati, le infrastrutture critiche e ii terreni agricoli. All’inizio del 2024, i territori maggiormente contaminati erano quelli delle regioni di Kharkiv, Kherson e Donetsk.

“Troviamo ‘regali esplosivi’ nei posti più inaspettati: dalle porte d’ingresso agli effetti personali, agli armadi, ai letti, persino negli alveari. Le più pericolose sono le granate attivate da fili-trappola”, ha spiegato Serhii Reva, capo del Dipartimento per l’organizzazione dello sminamento umanitario presso il Servizio statale di emergenza dell’Ucraina.

Semina nei pressi della prima linea in Ucraina. Gli agricoltori ucraini continuano a lavorare in questi tempi difficili, nonostante la minaccie dei bombardamenti e delle mine nemiche.
Foto: Dmytro Smolienko

Per l’Ucraina, i terreni agricoli minati rimangono un problema significativo. Tale problema colpisce gli agricoltori del paese e le opportunità di esportazione in generale. Viste le condizioni, non soltanto le agenzie governative ma anche le organizzazioni private e gli stessi agricoltori partecipano allo sminamento.

Per saperne di più: “Ho raccolto 4.000 mine da mille ettari”. La semina invernale per gli agricoltori della regione di Kherson.

Veicoli per lo sminamento e altre innovazioni

L’Ucraina sta attivamente implementando e mettendo in uso approcci e tecnologie di sminamento innovativi. Pertanto, per salvare vite umane e accelerare lo sminamento del territorio ucraino dagli oggetti esplosivi nemici, nelle unità del SES sono in servizio già 33 veicoli per lo sminamento.

Inoltre, il Ministero dell’Economia dell’Ucraina ha firmato un accordo di partnership con la società statunitense Palantir Technologies per automatizzare i processi di sminamento, avvalendosi a tale scopo anche dell’intelligenza artificiale. Questa iniziativa mira a raccogliere e analizzare informazioni sulle operazioni di sminamento, traendone suggerimenti per una decontaminazione dei territori ucraini più rapida e con minori perdite umane.

Genieri ucraini intenti a lavoro coi droni.
Foto: Servizio statale di emergenza dell’Ucraina./ Facebook

Inoltre, la stessa Ucraina sta portando avanti diversi progetti incentrati su soluzioni innovative per lo sminamento. Ad esempio:

  • Una piattaforma di monitoraggio con intelligenza artificiale della UADamage. Tale piattaforma è utilizzata per il monitoraggio automatico dei danni di guerra, lo sminamento e il processo di ricostruzione.
  • Ailand Systems ha sviluppato un drone ST1 per la ricerca delle mine. Fino ai 15 centimetri di profondità la precisione del drone è del 90%.
  • L’apparecchio per sminamento (mine roller) della Ratel Deminer è stato progettato per rilevare e neutralizzare le mine antiuomo. Questo funziona da remoto, risparmiando in tal modo vite umane.

Al momento, è difficile prevedere con esattezza  il tempo necessario per sminare l’intero territorio ucraino: parti di tale territorio sono ancora temporaneamente occupate dai russi o subiscono continui attacchi, e il numero di proiettili e mine inesplosi è in continua crescita.

Il ministro della Protezione ambientale e delle risorse naturali dell’Ucraina, Ruslan Strilets, ha osservato che, con l’attuale sviluppo del mercato dello sminamento e delle relative tecnologie, potrebbero essere necessari “sette anni per il totale sminamento dell’Ucraina”, dopo la vittoria e la liberazione di tutti i territori. Allo stesso tempo, l’Ucraina continuerà ad aver bisogno del sostegno e dell’impegno (tanto militare quanto umanitario) dei suoi partner.  Ciò per raggiungere il risultato di un totale sminamento e garantire la sicurezza delle persone e della fauna selvatica nel più breve tempo possibile.